Quale musica per la città ideale? Sui confini della originalità platonica nella censura dei modi nel terzo libro della Repubblica