Il "Modello emiliano" e la sostenibilità. Prime riflessioni