“Male e piacere in Byron: tra assoluto cosmico e commedia del quotidiano”