Questo libro inserisce l’Università nel più vasto scenario di trasformazione del lavoro intellettuale. Un lavoro in cui relazioni, emozioni, passioni sono mobilitate e trascinate in una logica di mercificazione pervasiva. Frammentazione dei singoli interessi, de-sincronizzazione dei tempi di lavoro, denormazione delle garanzie, da un lato, richiami alla produttività, all’efficienza e all’innovazione continua, dall’altro lato, incastrano i lavoratori precari nelle “trappole” che caratterizzano oggi il capitalismo cognitivo. Sottrarsi a tale logica è davvero difficile, non soltanto a causa dei sofisticati meccanismi di “promessa” impastati di retoriche meritocratiche, ma anche perché il sistema di produzione si fonda sempre più sulle reti collaborative, le relazioni “agevoli”, la presunta valorizzazione delle “qualità superiori” del lavoratore, che in qualche modo sembra rispondere ai desideri di riconoscimento e stabilità ingigantiti dalla condizione precaria. Eppure anche l’adesione a questa logica non è scontata. Tracce di resistenza attraversano le biografie di chi a questo libro ha voluto collaborare partecipando a una serie di incontri centrati sulla narrazione di sé, divenute occasioni per una “autoanalisi” del lavoro universitario.

Resistenze Precarie. Lavoratori universitari e capitalismo biocognitivo / Pellegrino, Vincenza. - 1:(2016), pp. 9-189.

Resistenze Precarie. Lavoratori universitari e capitalismo biocognitivo

Vincenza Pellegrino
2016

Abstract

Questo libro inserisce l’Università nel più vasto scenario di trasformazione del lavoro intellettuale. Un lavoro in cui relazioni, emozioni, passioni sono mobilitate e trascinate in una logica di mercificazione pervasiva. Frammentazione dei singoli interessi, de-sincronizzazione dei tempi di lavoro, denormazione delle garanzie, da un lato, richiami alla produttività, all’efficienza e all’innovazione continua, dall’altro lato, incastrano i lavoratori precari nelle “trappole” che caratterizzano oggi il capitalismo cognitivo. Sottrarsi a tale logica è davvero difficile, non soltanto a causa dei sofisticati meccanismi di “promessa” impastati di retoriche meritocratiche, ma anche perché il sistema di produzione si fonda sempre più sulle reti collaborative, le relazioni “agevoli”, la presunta valorizzazione delle “qualità superiori” del lavoratore, che in qualche modo sembra rispondere ai desideri di riconoscimento e stabilità ingigantiti dalla condizione precaria. Eppure anche l’adesione a questa logica non è scontata. Tracce di resistenza attraversano le biografie di chi a questo libro ha voluto collaborare partecipando a una serie di incontri centrati sulla narrazione di sé, divenute occasioni per una “autoanalisi” del lavoro universitario.
9788869400391
Resistenze Precarie. Lavoratori universitari e capitalismo biocognitivo / Pellegrino, Vincenza. - 1:(2016), pp. 9-189.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11381/2841837
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact