Lavoro cognitivo, passioni, precarietà. Per una "resistenza relazionale" alle forme di cattura del sistema produttivo