Rovesciare la lingua: interpreti e traduttori nell’Egitto antico (ovvero: cosa c’entra la traduzione con l’aglio?)