Il saggio propone un'analisi delle origini del fenomeno della cronaca giudiziaria, fatta generalmente risalire alla pubblicità dei dibattimenti, esito ultimo dell'Illuminismo giuridico, e all’emergere del moderno sistema di informazione di massa, e quindi non prima della seconda metà dell’Ottocento. Non si è trattato tuttavia di un’apparizione improvvisa e sono proprio le sue origini più remote, le sue possibili ascendenze da forme e pratiche culturali più antiche a porre una serie di questioni anlizzzate sul lungo periodo: quando e per quali ragioni il concreto esercizio della giustizia penale e cioè il modo attraverso il quale la società ha individuato, perseguito e punito i delitti, è diventato uno specifico oggetto d’informazione? E in quale misura e sulla base di quali modelli culturali l’antica figura del criminale ne è uscita modificata e trasfigurata? Tra XVI e XIX secolo, attraverso la produzione, non soltanto nell'area italiana, di un'ampia serie di scritti in ambito giornalistico, saggistico, medico e letterario, prende forma non soltanto un nuovo genere letterario e politico ma anche quel lento processo di acculturazione giudiziaria che sfiora strati sempre più ampi della società. Si tratta di due fenomeni distinti e al tempo stesso strettamente correlati che vengono collocati, in un quadro comparativo, tenendo conto della complessa articolazione sociale, politica e culturale della società italiana tra antico regime ed età contemporanea.

Il criminale processato. Alle origini della cronaca giudiziaria / Roscioni, Lisa. - (2016), pp. 267-289.

Il criminale processato. Alle origini della cronaca giudiziaria

LIsa Roscioni
2016

Abstract

Il saggio propone un'analisi delle origini del fenomeno della cronaca giudiziaria, fatta generalmente risalire alla pubblicità dei dibattimenti, esito ultimo dell'Illuminismo giuridico, e all’emergere del moderno sistema di informazione di massa, e quindi non prima della seconda metà dell’Ottocento. Non si è trattato tuttavia di un’apparizione improvvisa e sono proprio le sue origini più remote, le sue possibili ascendenze da forme e pratiche culturali più antiche a porre una serie di questioni anlizzzate sul lungo periodo: quando e per quali ragioni il concreto esercizio della giustizia penale e cioè il modo attraverso il quale la società ha individuato, perseguito e punito i delitti, è diventato uno specifico oggetto d’informazione? E in quale misura e sulla base di quali modelli culturali l’antica figura del criminale ne è uscita modificata e trasfigurata? Tra XVI e XIX secolo, attraverso la produzione, non soltanto nell'area italiana, di un'ampia serie di scritti in ambito giornalistico, saggistico, medico e letterario, prende forma non soltanto un nuovo genere letterario e politico ma anche quel lento processo di acculturazione giudiziaria che sfiora strati sempre più ampi della società. Si tratta di due fenomeni distinti e al tempo stesso strettamente correlati che vengono collocati, in un quadro comparativo, tenendo conto della complessa articolazione sociale, politica e culturale della società italiana tra antico regime ed età contemporanea.
978-2-503-56931-4
L'essai propose une analyse des origines du phénomène de la chronique judiciaire, généralement remontée à la publicité des débats, issue ultime des Lumières juridiques, et à l'émergence du système moderne d'information de masse, et donc pas avant le seconde moitié du «XIXe siècle. Cependant, ce n'était pas une apparition soudaine et ce sont précisément ses origines les plus lointaines, son ascendance possible de formes et pratiques culturelles plus anciennes qui posent une série de questions sur la longue période: quand et pour quelles raisons l'exercice concret de la justice pénale et la manière dont la société a identifié, poursuivi et puni les crimes sont devenu l'objet d'information spécifique? Et dans quelle mesure et sur la base de quels modèles culturels la figure ancienne du criminel a-t-elle émergé modifiée et transfigurée? Entre les XVIe et XIXe siècles, à travers la production, non seulement dans la région italienne, d'une large série d'écrits dans les domaines du journalisme, de l'essai, de la médecine et de la littérature, non seulement un nouveau genre littéraire et politique prend forme mais aussi processus d'acculturation judiciaire qui touche des secteurs de plus en plus larges de la société. Ce sont deux phénomènes distincts et en même temps étroitement liés qui sont placés dans un cadre comparatif, prenant en compte l'articulation sociale, politique et culturelle complexe de la société italienne entre l'ancien régime et l'époque contemporaine.
Il criminale processato. Alle origini della cronaca giudiziaria / Roscioni, Lisa. - (2016), pp. 267-289.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11381/2835592
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact