La tradizione narrativa e il Web: nuovi strumenti per nuove domande?