L’attuazione dell’equo processo ai sensi degli art. 111 Cost. e 6 Cedu sotto il profilo dell’effettiva tutela del diritto al confronto fra l’imputato e chi renda dichiarazioni a suo carico, non può implicare sempre l’elaborazione dialettica della prova dichiarativa nel contraddittorio delle parti nella pubblica udienza dibattimentale. Quando il testimone versi in condizioni di vulnerabilità psicologica, la piana attuazione del contraddittorio nella formazione della prova attraverso l’oralità e l’immediatezza deve essere bilanciata con l’esigenza di proteggere il dichiarante, adottando idonee cautele nello svolgimento dell’esame testimoniale che, pur non implicando un confronto vis a vis fra accusato e accusatore, non si risolvano in una compressione dei diritti difensivi dell’imputato incompatibile con l’equità processuale. L’obiettivo è di impedire che la condanna dibattimentale si fondi, in misura determinante o esclusiva, sulle dichiarazioni rese in segreto ogniqualvolta l’imputato non ha goduto di un’occasione adeguata e sufficiente per “confrontarsi” con l’accusatore.

La tutela dei testimoni “vulnerabili” / Cassibba FS. - (2009), pp. 299-325.

La tutela dei testimoni “vulnerabili”

CASSIBBA, Fabio Salvatore
2009

Abstract

L’attuazione dell’equo processo ai sensi degli art. 111 Cost. e 6 Cedu sotto il profilo dell’effettiva tutela del diritto al confronto fra l’imputato e chi renda dichiarazioni a suo carico, non può implicare sempre l’elaborazione dialettica della prova dichiarativa nel contraddittorio delle parti nella pubblica udienza dibattimentale. Quando il testimone versi in condizioni di vulnerabilità psicologica, la piana attuazione del contraddittorio nella formazione della prova attraverso l’oralità e l’immediatezza deve essere bilanciata con l’esigenza di proteggere il dichiarante, adottando idonee cautele nello svolgimento dell’esame testimoniale che, pur non implicando un confronto vis a vis fra accusato e accusatore, non si risolvano in una compressione dei diritti difensivi dell’imputato incompatibile con l’equità processuale. L’obiettivo è di impedire che la condanna dibattimentale si fondi, in misura determinante o esclusiva, sulle dichiarazioni rese in segreto ogniqualvolta l’imputato non ha goduto di un’occasione adeguata e sufficiente per “confrontarsi” con l’accusatore.
9788834896495
La tutela dei testimoni “vulnerabili” / Cassibba FS. - (2009), pp. 299-325.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11381/2820900
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact