I poteri del chiamato prima dell'accettazione (art. 460 c.c.)