Pianificazione linguistica e intuizioni chomskiane: qualche ponte per una riflessione comune