Devuškin e la scrittura "come in uno specchio"