“Tutto sarà cinema”: Pirandello, Serafino e l’urto del tempo