Parma, città del cibo: immaginario e architettura