LA “CAPACITÀ DI ASPIRARE” OGGI, TRA CRONOFRENIA E UTOPIE QUOTIDIANE