«Quell'esile filo che ti lega a Venezia vorrei che diventasse un canapo»: su un film mai girato, tra Fellini e Della Corte