Walter Lazzaro e l'orgoglio della modernità