Baudelaire, o la nostalgia dell'Assoluto