The essay of the IP Erasmus Project entitled "Compact City Architecture" means to extend its attention to take in those parts of the city dating to a more recent historical phase. As a result, we are looking at the part we call the "suburbs", generally characterized by factors of sprawl and the opening up of spaces to the extent of losing their architectural conformation, resulting in an urban identity thet is ambiguous and no longer ascribable to either the morphological or social conditions nor the administrative framework of the compact city. - Nell’ambito del progetto didattico e di ricerca pluriennale IP Erasmus dal titolo già di per sé indicativo “Compact City Architecture” , dove si volevano esplorare le possibili alternative al diffuso fenomeno dello sprawl e del decadimento dello stesso concetto di città, si è passati attraverso una prima esperienza di ricerca progettuale dedicata all’ “historical city centre design in Europe”, per arrivare ad un secondo momento di verifica del progetto applicato al caso della recente periferia urbana di Parma con “designing centrality, regenerating the suburbs”. Il nodo concettuale di fondo dell’ipotesi di una ricerca progettuale di questo tipo, attraverso l’apporto dialettico di diverse scuole di architettura europee, si articola su due presupposti di fondo. Il primo è quello di una forma urbana, e quindi di una riconoscibilità urbana, possibile solo attraverso un approccio economico del rapporto tra pieni e vuoti, in cui sia possibile la denotazione morfologica della densità che solo può scaturire da una condizione di aderenza o comunque di dialettica di relazione effettiva tra le componenti che determinano il tessuto della città, aldilà della quale non è più possibile parlare di città ma di solo mero insediamento. Il secondo è quello che riconosce lo strumento della centralità - per spazi collettivi, snodi di accesso, concentrazioni funzionali e rappresentative - quale fattore essenziale per determinare una struttura gerarchizzata dell’insediamento che, tra forme e funzioni, solo così potrà denotarsi quale realtà autenticamente urbana.

Designing Centrality, Regenerating the Suburbs: Sant’Eurosia in Parma / Quintelli, Carlo. - 1(2014), pp. 8-15.

Designing Centrality, Regenerating the Suburbs: Sant’Eurosia in Parma

QUINTELLI, Carlo
2014

Abstract

The essay of the IP Erasmus Project entitled "Compact City Architecture" means to extend its attention to take in those parts of the city dating to a more recent historical phase. As a result, we are looking at the part we call the "suburbs", generally characterized by factors of sprawl and the opening up of spaces to the extent of losing their architectural conformation, resulting in an urban identity thet is ambiguous and no longer ascribable to either the morphological or social conditions nor the administrative framework of the compact city. - Nell’ambito del progetto didattico e di ricerca pluriennale IP Erasmus dal titolo già di per sé indicativo “Compact City Architecture” , dove si volevano esplorare le possibili alternative al diffuso fenomeno dello sprawl e del decadimento dello stesso concetto di città, si è passati attraverso una prima esperienza di ricerca progettuale dedicata all’ “historical city centre design in Europe”, per arrivare ad un secondo momento di verifica del progetto applicato al caso della recente periferia urbana di Parma con “designing centrality, regenerating the suburbs”. Il nodo concettuale di fondo dell’ipotesi di una ricerca progettuale di questo tipo, attraverso l’apporto dialettico di diverse scuole di architettura europee, si articola su due presupposti di fondo. Il primo è quello di una forma urbana, e quindi di una riconoscibilità urbana, possibile solo attraverso un approccio economico del rapporto tra pieni e vuoti, in cui sia possibile la denotazione morfologica della densità che solo può scaturire da una condizione di aderenza o comunque di dialettica di relazione effettiva tra le componenti che determinano il tessuto della città, aldilà della quale non è più possibile parlare di città ma di solo mero insediamento. Il secondo è quello che riconosce lo strumento della centralità - per spazi collettivi, snodi di accesso, concentrazioni funzionali e rappresentative - quale fattore essenziale per determinare una struttura gerarchizzata dell’insediamento che, tra forme e funzioni, solo così potrà denotarsi quale realtà autenticamente urbana.
9788889739211
Designing Centrality, Regenerating the Suburbs: Sant’Eurosia in Parma / Quintelli, Carlo. - 1(2014), pp. 8-15.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11381/2761422
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact