Arte e teosofia a Firenze: il caso di Adolfo Schlatter