«Matti derelitti» e furiosi deliri: questioni di metodo e spunti di ricerca su marginalità e follia nella prima moderna