Paesaggi della mobilità: la questione metodologica