Paesaggio ed immigrazione: una strana coppia?