La disponibilità della quota ereditaria