Differire e trasferire. La spazialità del linguaggio metaforico