La bella con-fusione: David Lynch e la pubblicità