Intervenire sulla lungodegenza: una informazione destabilizzante