La "piccola riforma" del Senato