Echi catulliani nella Lettera 75 di Seneca?