«wie die elendige Barke / und der wollüstige Ozean». Osservazioni sulle liriche di G. Ungaretti nella traduzione di I. Bachmann