Riflessione e melancolia. Sul senso della presenza di Calderón nel libro barocco di Walter Benjamin