La questione del proscritto, ovvero “Il corsaro” di Byron nel romanticismo ambiguo del teatro musicale italiano