Polifemo. La cecità dello straniero