Byron e il segno plurale: tracce del sé, percorsi di scrittura