Angoscia e sorriso. Il paradosso della tragedia. Una sfida per l'estetica fenomenologica?