Sul "senso" dell'umorismo