Persistenza del rapporto sacro-profano nella laude della Controriforma