La prima attività di Gianni Dova tra postcubismo e astrazione