Si dà qui una prima trascrizione della "Coltura degl'Ingegni" del Possevino. Edito nel 1598 a Vicenza, questo testo restituisce in parte quel complesso dibattere ed argomentare che ha attraversato tutto il Cinquecento: dall'esaurirsi del paradigma dell'umanesimo quattrocentesco alla Riforma luterana, dal Concilio di Trento a tutto il movimento della Controriforma. E in questa frastagliata e polimorfa "riforma cattolica", un posto di rilievo occupano naturalmente la Compagnia di Gesù e i suoi uomini più rappresentativi. Tra questi è presente e freneticamente operante Antonio Possevino, gesuita mantovano, diplomatico al servizio di diversi pontefici, segretario della Compagnia di Gesù. ma soprattutto fondatore indefesso di collegi ed università e scrittore prolifico (Bibliotheca selecta, Apparatus sacer, Apparato all'historia) e non sempre "di scuola". Profondamente convinto che la battaglia religiosa non sarà vinta sul principio del "cuius regio", ma sulla formazione delle culture, egli giocherà tutte le sue carte sull'istruzione e l'educazione: in direzione di un pronunciato favore per il libero arbitrio, e nella prospettiva di un necessario allargamento dei fruitori di cultura e di idonee e qualificate istituzioni culturali. Questo testo ne dà significativa testimonianza.

Antonio Possevino S.J., Coltura degl'Ingegni / SALVARANI L.; CASALINI C. - STAMPA. - (2008).

Antonio Possevino S.J., Coltura degl'Ingegni.

SALVARANI, Luana;CASALINI, Cristiano
2008

Abstract

Si dà qui una prima trascrizione della "Coltura degl'Ingegni" del Possevino. Edito nel 1598 a Vicenza, questo testo restituisce in parte quel complesso dibattere ed argomentare che ha attraversato tutto il Cinquecento: dall'esaurirsi del paradigma dell'umanesimo quattrocentesco alla Riforma luterana, dal Concilio di Trento a tutto il movimento della Controriforma. E in questa frastagliata e polimorfa "riforma cattolica", un posto di rilievo occupano naturalmente la Compagnia di Gesù e i suoi uomini più rappresentativi. Tra questi è presente e freneticamente operante Antonio Possevino, gesuita mantovano, diplomatico al servizio di diversi pontefici, segretario della Compagnia di Gesù. ma soprattutto fondatore indefesso di collegi ed università e scrittore prolifico (Bibliotheca selecta, Apparatus sacer, Apparato all'historia) e non sempre "di scuola". Profondamente convinto che la battaglia religiosa non sarà vinta sul principio del "cuius regio", ma sulla formazione delle culture, egli giocherà tutte le sue carte sull'istruzione e l'educazione: in direzione di un pronunciato favore per il libero arbitrio, e nella prospettiva di un necessario allargamento dei fruitori di cultura e di idonee e qualificate istituzioni culturali. Questo testo ne dà significativa testimonianza.
9788873465164
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Impaginato2.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: Creative commons
Dimensione 1.81 MB
Formato Adobe PDF
1.81 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11381/1861171
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact