La conquista della profondità di campo. Su alcuni snodi discorsivi tra valorizzazione della luce e modernità letteraria