Tra Freud e Sainte-Beuve: il "Proust" di George Painter