Ancora un "assalto alla diligenza" della professione veterinaria