Poteri espressivi e capacità normative. Critica e riconoscimento a partire dal dibattito tra Brandom e Habermas