Giovanni Giovenale Ancina e il vescovo Romolo Cesi