Corpo vivo, simulazione incarnata e intersoggettività: una prospettiva neurofenomenologica