La scenografia novecentesca tra persistenze e rivoluzioni