Imprese, istituzioni e coordinamento: l'eccezionale normalità del modello suzzarese