Stupor mundi: il Pecorino di Filiano