Ritratto e mélodrame: una costellazione balzachiana