“Casa d’altri”: le parole, il silenzio